"Cucinare è come amare.. o ci si abbandona completamente o si rinuncia."

martedì 17 dicembre 2013

Cartellate Pugliesi

Buonasera e bentornati:-) Oggi, inauguro la sezione "Natalizia" con una ricetta dolce tipica della Puglia, il classico dei classici: le cartellate. Sono dei dolcetti, a forma di piccole rose, immersi nel vincotto o,se di vostro gradimento, miele. La pasta è molto croccante ma friabile e la preparazione è abbastanza complessa e, soprattutto, lunga. Quindi, armatevi di pazienza e calma perchè dopo 10 roselline, questa inizierà seriamente ad essere compromessa ma, per fortuna, tanta fatica vi garantirà eccellenti risultati. Io, le ho preparate sia con il miele che col vincotto, classico sciroppo a base di fichi o,se preferite, di uva. Si possono preparare in anticipo rispetto al Natale poichè, se conservate ermeticamente e lontano da fonti di luce e di calore, non si alterano nel gusto, anzi, migliorano. Ma, bando alle ciance, iniziamo subito ad impastare:

Ingredienti:
  • 700 gr. di farina OO
  • 300 gr, di semola di grano duro
  • 100 gr. di olio extravergine di oliva
  • 200 gr. di vino bianco secco
  • acqua calda q.b.
  • 1 l. di vincotto (io di fichi) oppure 300 gr. di miele
  • olio di oliva q.b. per friggere
  • zucchero semolato q.b.
  • confettini colorati q.b.
Preparazione:

Miscelare la farina e la semola in una grossa ciotola capiente. Versare l'olio e aggiungere gradatamente il vino leggermente riscaldato. Per ultimo, versare a piccole dosi acqua calda quanto basta per ottenere una consistenza compatta. Trasferire l'impasto sulla spianatoia. Impastare per almeno 10 minuti fino ad ottenere un panetto liscio e compatto.
Stendete, molto sottili, sulla spianatoia ben infarinata, piccoli pezzi di impasto e ritagliare delle strisce con l'apposito attrezzo. Prendete una striscia, pizzicate i lembi, come nella foto:


Iniziate ad avvolgere la striscia su sé stessa:




Ora, appoggiate le roselline ottenute su un tavolo ricoperto con un panno e lasciatele riposare per almeno 24 ore. Questo procedimento consentirà alle cartellate di asciugarsi per poi farle diventare croccanti e friabili in seguito alla frittura.
Passate le 24 ore, friggete le cartellate in abbondante olio di oliva bollente, fino a leggera doratura, e metterle a scolare su carta assorbente.
Successivamente, bollire il vincotto( o miele) e tuffarci le cartellate e inzuppatele completamente. Man mano, adagiare le cartellate in una coppa e spolverizzatele di zucchero semolato e confettini colorati. Lasciatele raffreddare e...buon appetito!




E queste sono fatte con il miele ;-)







4 commenti:

  1. La spettacolarità di queste cartellate è la dimensione ( ce ne sono di davvero piccine piccine ) e la croccantezza che le rendono assai appetitose..x i non amanti del vincotto( come il sottoscritto) la variante al miele è davvero azzeccatissima..voto 10 e lode <3

    RispondiElimina
  2. Fantastiche! Come quelle che fa mia nonna! Adoro questo dolce...profuma di natale!

    RispondiElimina
  3. Grazie mille! E buon natale;-)

    RispondiElimina